L’attesa

È finita, bene o male che sia andata è finita, ma non credo sia andata troppo bene. 

Adesso credo che i plichi con le prove scritte e le registrazioni dell’orale verranno spedite a Mosca in qualche oscura stanzetta del Ministero dell’Istruzione per le correzioni, ed in un paio di settimane dovremmo avere i risultati.

So di essere sul filo del rasoio, infatti è andato tutto come non me l’aspettavo. Ma avrei dovuto aspettarmi anche questo.

Ovvero, che all’orale sono diventata improvvisamente logorroica e spedita come un treno, per dire che in nove mesi, il tempo di una gravidanza, non ero mai riuscita a spingermi oltre a un misero да, a un perentorio нет, o a un possibilista может быть, mentre ho fatto una fatica bestiale nel trovare qualcosa da dire e ad esprimere la mia opinione (ma la stessa difficoltà c’è l’avrei avuta in italiano o nel dialetto locale) sull’utilizzo degli OGM in agricoltura, e nel contempo a commentare e riportare l’opinione dell’autore.

Al mio livello, B1, pensavo non si sarebbero mai spinti molto oltre la mia comfort zone, ovvero la rassicurante e tipicamente russa gita (o vacanze estive) di Вова e Светлана alla dacia della nonna o dello zio, dove avrebbero raccolto frutti di bosco e funghi e nuotato nel fiume, o nel lago. Sticazzi. 

Anche all’ascolto passivo, sí, ho capito quasi tutto, ma le domande non erano fatte in progressione cronologica/logica rispetto all’andamento del testo, e alla fine mi sa che ho messo i cerchiolini un po’ a casaccio: non ero affatto preparata a a una prova così infingarda e piena di tranelli perché, oltre a questa progressione a singhiozzo e flash back, le domande erano anche a trabocchetto. 

Chiunque mai abbia tentato un concorso alla UE a Bruxelles, al temutissimo EPSO, conosce benissimo. Cioé, io conoscevo benissimo, ma in russo è leggermente diverso.

È stata, questa inaudita asprezza e crudeltà, o semplicemente serietà della prova, tutta colpa delle sanzioni? Может быть 🙂

La cosa bella, diciamo, é che finalmente ho aperto bocca, e oramai non mi fermerà più nessuno, e che sicuramente ne so più di quando ho ripreso lo studio della lingua a settembre 2014, dopo circa 5 anni di totale oblio.

La seconda è che posso riprendere a mettere cipolle di Tropea nelle mie insalate, non prevedendo mei prossimi giorni, e meno che mai con i miei colleghi, incontri ravvicinati ed infervorate discussioni da vicino, e purtroppo e meno che mai sulle città dell’Anello d’Oro o sul museo del Cremlino di Mosca.

La terza é che oramai sono tutt’uno con l’applicazione per Ipad della TV di stato russa, e che qualche volta in qualche suo film – livello ex lettrici di Cioè o di Rakam* – capisco anche qualcosa, anche se ai miei esaminatori poco interesserà questo mio successo di bassa lega. 

*Non è affatto una critica alla TV di stato russa, che a me sinceramente piace un sacco stante l’eccessiva invadente presenza presenza di alcuni soggetti, mi ci collego tutti i giorni anche solo per i notiziari.

Un sentito ringraziamento alle MM milanesi per il mancato trancio dell’arto destro e la mancata concussione di tre costole all’uscita da un tornello apparentemente bloccato in Porta Romana, e alle sempre magnanime Ferrovie Nord per avermi fatto sperimentare al rientro a Vorkuta/Mumbay , e senza alcun sovrapprezzo, i piaceri della sauna russa. Per restare in tema.

Annunci

12 commenti

Archiviato in Craps, Outlet valve

12 risposte a “L’attesa

  1. Ti capisco, ti capisco, ti capisco.
    Per le MM che meriterebbero un capitolo a parte. Per le Trenord che apriti cielo! Per l’esame di russo – nel mio c’erano Sasha e Ira 😉 .
    Удачи тебе!

    • Ci tenevo che sapessi 🙂 passatooooooooooo!!!
      Con il maledettissimo письмо leggermente insufficiente ma tutto il resto egregiamente. Non avrei mai detto. Anno prossimo si tenta il B2

      • Молодец, моя дорогая!!! 🙂
        Fa niente per lo scritto, l’importante è che nel complesso sia andato!
        Ma come hai incominciato a studiare russo anni fa? A scuola/da autodidatta/l’hai sempre saputo 😂/…?

      • Brevemente, per amore, prima umano, ma tanti tanti anni fa, poi fu scelta consapevole e meditata per amore della lingua e della cultura e solo per tenere vivo il cervello causa lavoro parecchio abbruttente.
        Ma tu devi essere ad un livello che io non mi sogno nemmeno…

      • Ahhh quando fu scelta consapevole e meditata ho fatto 3 o 4 anni all’Associazione It/Ru, poi ho rimollato per diversi anni causa altri impegni e perché non mi trovavo più bene con l’insegnante.
        Quando ho ripreso a settembre ottobre 2014 mi sono presa una professorina privata, un 50/60 ore credo.

        Ho lavorato molto da sola a casa facendo con lei principalmente la correzione dei compiti e diventando abbastanza assidua della TV russa e di vlog vari su YouTube. Per quel poco che tuttora capisco.

        Adesso è diventata una sfida, più che altro: la lingua si presta essendo alquanto ostica per diversi aspetti. Sei d’accordo? 🙂

      • Ma allora è una cosa molto seria, devi sapere un sacco di grammatica e di regole, круто!! 🙂
        Io ho avuto un approccio iniziale con la lingua diverso, non so se migliore o peggiore; partita senza sapere una parola di russo – anzi sì, conoscevo да, нет и спасибо imparati con Google Translate 😒 – mi son trovata a vivere tra persone che parlavano solo russo o lettone, zero inglese e zero altre lingue all’infuori di quelle due…😨😱😱
        Direi alquanto ostica inizialmente! 😧😃😃
        Per non parlare dei mal di testa assurdi alla sera dopo una giornata passata a cercare di farmi capire in russo (!) , non capivo niente ahahah
        Però poi le soddisfazioni per lo sforzo fatto sono arrivate 🙂
        Posso chiederti dove guardi la tv russa? Io riesco a vedere solo RTд che spesso trasmette documentari in inglese e un canale che trasmette notiziari a ripetizione, un po’ come l’italiano Sky Tg24…

      • Ho scaricato su iPad applicazione Россия delle TV di stato (credo, almeno) e becco tre quattro canali. Non sempre trovo cose perché non sono accessibili tutti i programmi, non so se per scelta, ma verso pomeriggio e sera di notiziari e film se ne trovano a palate. E ti dirò che fanno delle miniserie, 3/4 puntate ma massimo 20, che sono carine divertenti. Niente che facciamo urlare al capolavoro ma piacevoli.

      • La cerco subito! Grazie 🙂

      • Cmq su YouTube ci sono un sacco film interi in russo, completi, senza pubblicità e menate di copyright, che vedo anche su app della loro TV che ultimamente da un po’ di problemi. Ma veramente tantissimi.
        Cerca ad esempio, между нами девочками, una serie carina divertente di questa famiglia nonna mamma e figlia col fidanzato in casa.
        Non aspettarti Palme D’Oro a Cannes o festival di Berlino, ma se vuoi tenere viva la lingua e non pensare troppo l’ideale.

        La cosa che mi ha stupita di più della TV russa é l’incredibile numero di pubblicità di medicine farmaci che noi diremmo “da banco”, sembra un popolo di malati o pieni di acciacchi….

  2. In qualcuno potresti provocare effetti collaterali come in “Un pesce di nome Wanda” al contrario. Nel tuo caso magari succede anche se parli in italiano 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...