Convivenza coatta 

Che sia estate o che sia inverno da noi, in ufficio, grazie ad una poco intelligente disposizione scrivanie in un wannabe modaiolo openspace del casso mal pensato e mal sfruttato, manco ci si riesce a mettere d’accordo sulla temperatura ambiente. Figuriamoci sul resto. Ognuno ha teorie ed esigenze diverse e particolari, spesso non conciliabili.

Così, se va bene, solo le mezze stagioni non si traducono in una giornaliera prova di forza, fisica, oltre che mentale.

Però, quando la sera a casetta si devono rimuovere i pantaloni semifusi come fossero striscie depilatorie, direi anch’io, ecologista e naturalista quanto basta, riciclatrice compulsiva, iscritta al WWF  all’età di anni sei, che si potrebbe pure accendere un filino di aria condizionata, specie al pomeriggio. Almeno a giorni alterni, in una normale alternanza democratica.

Purtroppo l’unico che so segretamente sposare la mia tesi é un somministrato non più giovanissimo che non osa palesare la sua sacrosanta opinione per timore di rappresaglie e per amore del quieto vivere.

Ci capiamo con gli sguardi, noi.

Annunci

11 commenti

Archiviato in Craps, Ho un'opinione su quasi tutto (ed accetto possa non essere condivisa, con garbo)

11 risposte a “Convivenza coatta 

  1. dura la vita del somministrato! dovresti indossare pantaloni più larghi e tessuti che facciano respirare le gambe

  2. Noi risolviamo il problema a monte…senza condizionatore, restiamo uniti nel sudore 😰

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...