Archivi tag: declino italiano

Cronache d’estate da una Multipaesana

La collaudata e sonnacchiosa vita estiva Multipaesana prima della Grande Pausa Estiva detta Ferie può essere scossa tutta d’un tratto, come un fulmine a ciel sereno, dalla notizia di una nuova risorsa Raccomandata che presto entrerà a far parte della Grande Famiglia Organigramma.
Raccomandata di primo grado, Deluxe, per di più.
Con che funzioni/ruoli/mansioni non è dato di saperlo, come non è dato di sapere perché proprio adesso quando probabilmente sono di più i giorni di cassa integrazione a carico dei contribuenti (di tutti), che non quelli lavorativi.
Cioè, a dirla tutta questo può succedere anche nel lungo inclemente inverno: si, perché nelle zone ad alta concentrazione Multipaesana esistono notoriamente solo due stagioni, una breve estate tropicale dai tratti monsonici, a seconda delle annate, ed un interminabile inverno siberiano senza traccia alcuna di un dottor Zivago.
In ogni Multipaesana ogni momento è buono per accogliere a braccia aperte un Raccomandato, che non si dica che siamo schizzinosi o choosy al riguardo.

Poniamo il caso però che questo succeda in un’afosa giornata di luglio, il solito cielo lattiginoso padano demmerda e l’aria così umida che si può strizzare come un cencio.
Anche le ultime notizie di cronaca politica del luglio 2013 confermano, casomai ce ne fosse ancora bisogno, che l’Italia detto anche Belpaese è inesorabilmente avviata verso un triste e duraturo declino.
Così un PD (tranquilli, PD = Povero Diavolo di Multipaesana, categoria che merita un post a parte) non può far altro che sperare di trovare, in quello che dovrebbe essere il sano tessuto produttivo del paese, o quel che ne è rimasto, e di cui la MP ne è l’emblema principale e ultimo baluardo, quel rigore anche etico al quale i lontani palazzi romani del potere hanno abiurato da tempo.
Invece il nostro povero ed illuso Povero Diavolo non può far altro che constatare che, tutto in scala e con le dovute proporzioni, la storia e lo schifio si ripete in ogni luogo, in ogni situazione, in ogni contesto, in ogni occasione.
Solo gli ingenui o gli stupidi possono ancora pensare che il paese reale sia meglio di coloro che ci governano.
Il Povero Diavolo allora non può che augurarsi un’invasione pacifica di danesi e norvegesi capeggiati da uno dei due regnanti a scelta, che i crucchi piglino a calci in culo i responsabili di questo schifio, siano essi annidati in qualche casermone del Lungotevere o nel 90% delle anonime e sconosciute MP lombardo venete, e che instaurino una monarchia illuminata della durata di qualche secolo. E forse nemmeno questo ci può salvare.

Intanto però, dietro i vetri fume’ del nostro bel capannone prefabbricato, stabilimento o sweat shop che dir si voglia, chi è avvezzo o ha una qualche esperienza di Multipaesana non si scompone per più di cinque minuti per l’arrivo di un nuovo, l’ennesimo Raccomandato. Solo Juniores e stagisti permangono in stato di agitazione essendo notoriamente i primi a saltare.
Quando nell’aria oltre al solito fetore di concime chimico tipico della pianura si percepiscono dei movimenti sotterranei che nulla hanno a che vedere con la geologia, quando dietro alle porte chiuse si avvertono borbottii volutamente incomprensibili da parte dei Cervelli, quando il fruscio delle sottane della petulante Responsabile Human Resources che zampetta su e giù per le scale si fa più insistente allora anche il meno scafato dei PD (Poveri Diavoli da Multipaesana) intuisce che si sta inaugurando una nuova temibile Campagna Acquisti per accaparrarsi er mejo der mejo de’ Raccomandati disponibili su piazza.

Dopo pochi giorni o settimane il nominativo del fortunato prescelto viene reso noto agli interessati insieme a spiegazioni dettagliate circa l’albero genealogico del Fido Condottiero e parenti più stretti.
Vengono cioè illustrati nel dettaglio gli intrecci famigliari e come il prezioso Seme della Dinastia sia stato sparpagliato per il mondo, ma più spesso per la provincia, qualche volta addirittura nello stesso capannone. Al di fuori del gli orari di lavoro, chiaro.
Nessuna remora al riguardo, nessuna copertura od occultamento di dati sensibili, tutti devono sapere di chi il Raccomandato prescelto sia figlio o cugino, sorella o madre.
Tanto in una MP prima o poi lo saprebbe anche il mulettista del Bangladesh e allora, al fine di evitare l’inimicarsi di fazioni pro-Nipote o pro-Cugino e l’innestarsi di pericolose quanto improduttive tifoserie da campionato, allora tanto vale essere chiari da subito.
Così uno sa regolarsi e può studiare in anticipo il livello di piaggeria e paraculismo che vorrà o dovrà adottare. Meglio non perdere tempo.
Non si sottovaluti d’altra parte l’estenuante lavoro di cernita e scrematura che viene effettuato dagli alti vertici aziendali insieme alla responsabile delle Human Resources.
Costoro spesso dispongono di tanto di quel materiale umano da trovarsi essi stessi in imbarazzo, e non vorrebbero scontentare nessuno, soprattutto notabili e clero, ma nella vita bisogna anche assumersi le proprie responsabilità.
Generalmente ad ogni papabile viene affibbiato un punteggio, mentre il voto può essere sia a scrutinio segreto o, nei casi di Multipaesane più progressiste ed evolute, può essere palesato senza timore di ritorsioni che potrebbero scompaginare gli assetti societari o spaventare gli azionisti, cioè il resto della famiglia fino ai cugini di seconda.

Così, siamo a Bernascate con Casnate o a Tepossino sul Minchio in una rovente giornata di afa e cielo da the Day After, e dietro i vetri fume’ della nostra ipotetica Multipaesana è tutto un pettegolezzo, un fiorire di illazioni e di leggende metropolitane sul nuovo venuto.
Comincia l’attesa del Raccomandato di turno il quale, comunque, generalmente non comparirà prima della stagione della vendemmia.
Infatti, anche se disoccupato di lungo corso costui/costei non potrà a nessun costo rinunciare alla meritata pausa e vacanza estiva.
Su c.v. ed esperienze pregresse del Prescelto inutile soffermarsi perché oltre ad essere assolutamente ininfluenti queste sono così variabili ed incredibili da non poter essere nemmeno classificabili, quello che conta sono le credenziali. Questi stanchi occhi hanno visto cuochi mariti di figlia di Gran Condottiero diventare Direttori Commerciali, e mi fermo qui.
Anche la durata in Azienda di un Raccomandato, del resto, dipende moltissimo dal grado e coefficiente di Raccomandazione ed è perciò abbastanza variabile.
Tendezialmente un Raccomandato di primo e secondo grado è inamovibile e pertanto per certi versi assimilabile ad una risorsa Edera, mentre un Raccomandato di terzo grado se gli dice male potrebbe anche non avere lo scranno assicurato sino alla pensione, esattamente come un Povero Diavolo.
L’unico minimo comun denominatore dei Raccomandati Multipaesani è che al di fuori di amici e parenti nessuno se li pija, ed anche amici e parenti se li rimbalzano spesso e volentieri facendoli girare di qui e di la’ come palline di un flipper.
Diversamente inamovibili ma pur sempre inamovibili.
Il PD medio di media Multipaesana comunque ne ha viste di ogni ed ha persino assistito a defenestrazioni da Sacro Romano Impero di Raccomandati di terzo grado in caso di:
– astenia patologica, incapacità ed incompetenza manifesta ma solo se accompagnata ad una certa facilità e diciamo leggerezza nell’emettere assegni su conti societari per sostituire la mobilia di casa o per ristrutturare il bilocale al mare
– divergenze incolmabili con il Fido Condottiero. Divergenze che possono essere di varia natura: politiche, calcistiche, su chi è la più gnocca in TV e/o persino legate alle politiche e gestione aziendale.

Nell’attesa del prossimo Gran Raccomandato, in preda ai più inquietanti interrogativi su quello che il suo arrivo comporterà per la propria sopravvivenza e benessere o comfort aziendale, ma anche per la sopravvivenza aziendale stessa, e perciò come sempre, ci salvi chi può.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ci salvi chi puo', Craps, Ho un'opinione su quasi tutto (ed accetto possa non essere condivisa, con garbo), Vita Multipaesana