Archivi tag: fattura

Caro M.R.

Caro Matteo,

vorrei dirLe che da questo pantano non ne usciremo mai.
Non so se Lei e i suoi amici/compagni di merende ve ne siate resi conto, anche quelli di prima dell’attuale infornata, non so Voi dove viviate. O forse sì, ve ne rendete conto e questo è proprio quello che volete (il sospetto è forte).
E cioè: i soliti stronzi continueranno a pagare le tasse fino all’ultimo centesimo, un’ampia fetta di lavoratori autonomi invece (non mi riferisco certo a quei disgraziati di precari e/o alle partite IVA per disperazione) continuerà a fottersene allegramente alla facciazza mia.

Negli ultimi mesi ho avuto modo di avere a che fare, per necessità e non certo per sfizio, con un cospicuo numero di artigiani “professionisti” per preventivi di varia entità e natura.
Non dopo-doppiolavoristi, la sartina che fa gli orli, il pensionato che deve arrotondare per intenderci. Gente che trovi in Google, sulle Pagine Bianche, quelle Gialle e che magari ha pure un sito Internet discreto o caruccio.
Siamo nel 2014 e di lotta all’evasione ne sento parlare da quando avevo i denti da latte.

La fattura è quasi sempre un’optional, nel senso di niente affatto scontata, bisogna espressamente chiederla. Tranne il mio (attuale) meccanico sant’uomo, che la fa e basta senza se e senza ma, ed ha dei prezzi pure onesti.
Quelli precedenti, beh, transeat.
Taluni sgranano gli occhi al sentirla nominare, fattura, questa sconosciuta.
Un tale, mi sembrava una brava persona, e nel suo settore competente e preparato, mi ha detto che i suoi clienti non la vogliono, se lui non accettasse questo fatto non lavorerebbe.
Cioè, le fatture lui è costretto a “pregare” di poterle fare di tanto in tanto, se no fatturerebbe zero ed avendo dei dipendenti la sua posizione non sarebbe evidentemente credibile.
Questa stessa brava persona ha anche aggiunto “certo, se voi (= Clienti) poteste scaricarle…”.

Ma ci vuole un genio? Io dico di no, ci sono arrivati persino quelli della Lega, dalla quale non potrei essere più lontana sia ideologicamente sia dal punto di vista delle “affinità elettive”.
Infondato secondo me (e ben più importante secondo altri, loro autorevoli voci) il timore che possa diminuire il gettito IRPEF, casomai proprio il contrario.
Sa quanti elettricisti, meccanici, idraulici, carrozzieri, ginecologi, dentisti, parrucchieri, termotecnici, piastrellisti, caldaisti, estetisti, geometri, fabbri, antennisti etc etc sarebbero costretti ad uscire allo scoperto = dichiarare TUTTO il lavoro fatto per poter lavorare e continuare a campare?
E non si incrementerebbero così, anzi quasi incentiverebbero, anche il numero di persone che ricorrono a questi “professionisti”, o a ricorrervi più spesso ?
Hai voja …
Non si potrebbe, almeno, provare?

Caro Matteo, (e tutti quelli che prima o poi La seguiranno, sa, siamo da sempre abituati ad un certo turn-over), questa è l’Italia, non la Danimarca: se non fate in modo che per entrambe le parti sia più conveniente emettere e ottenere fattura qui non cambierà mai, mai, mai niente.
O, forse, è proprio quello che volete: il sospetto è forte, vedi sopra.

Lascia un commento

Archiviato in Ci salvi chi puo', Craps, Ho un'opinione su quasi tutto (ed accetto possa non essere condivisa, con garbo), Outlet valve