Archivi tag: raccomandati

Cronache d’estate da una Multipaesana

La collaudata e sonnacchiosa vita estiva Multipaesana prima della Grande Pausa Estiva detta Ferie può essere scossa tutta d’un tratto, come un fulmine a ciel sereno, dalla notizia di una nuova risorsa Raccomandata che presto entrerà a far parte della Grande Famiglia Organigramma.
Raccomandata di primo grado, Deluxe, per di più.
Con che funzioni/ruoli/mansioni non è dato di saperlo, come non è dato di sapere perché proprio adesso quando probabilmente sono di più i giorni di cassa integrazione a carico dei contribuenti (di tutti), che non quelli lavorativi.
Cioè, a dirla tutta questo può succedere anche nel lungo inclemente inverno: si, perché nelle zone ad alta concentrazione Multipaesana esistono notoriamente solo due stagioni, una breve estate tropicale dai tratti monsonici, a seconda delle annate, ed un interminabile inverno siberiano senza traccia alcuna di un dottor Zivago.
In ogni Multipaesana ogni momento è buono per accogliere a braccia aperte un Raccomandato, che non si dica che siamo schizzinosi o choosy al riguardo.

Poniamo il caso però che questo succeda in un’afosa giornata di luglio, il solito cielo lattiginoso padano demmerda e l’aria così umida che si può strizzare come un cencio.
Anche le ultime notizie di cronaca politica del luglio 2013 confermano, casomai ce ne fosse ancora bisogno, che l’Italia detto anche Belpaese è inesorabilmente avviata verso un triste e duraturo declino.
Così un PD (tranquilli, PD = Povero Diavolo di Multipaesana, categoria che merita un post a parte) non può far altro che sperare di trovare, in quello che dovrebbe essere il sano tessuto produttivo del paese, o quel che ne è rimasto, e di cui la MP ne è l’emblema principale e ultimo baluardo, quel rigore anche etico al quale i lontani palazzi romani del potere hanno abiurato da tempo.
Invece il nostro povero ed illuso Povero Diavolo non può far altro che constatare che, tutto in scala e con le dovute proporzioni, la storia e lo schifio si ripete in ogni luogo, in ogni situazione, in ogni contesto, in ogni occasione.
Solo gli ingenui o gli stupidi possono ancora pensare che il paese reale sia meglio di coloro che ci governano.
Il Povero Diavolo allora non può che augurarsi un’invasione pacifica di danesi e norvegesi capeggiati da uno dei due regnanti a scelta, che i crucchi piglino a calci in culo i responsabili di questo schifio, siano essi annidati in qualche casermone del Lungotevere o nel 90% delle anonime e sconosciute MP lombardo venete, e che instaurino una monarchia illuminata della durata di qualche secolo. E forse nemmeno questo ci può salvare.

Intanto però, dietro i vetri fume’ del nostro bel capannone prefabbricato, stabilimento o sweat shop che dir si voglia, chi è avvezzo o ha una qualche esperienza di Multipaesana non si scompone per più di cinque minuti per l’arrivo di un nuovo, l’ennesimo Raccomandato. Solo Juniores e stagisti permangono in stato di agitazione essendo notoriamente i primi a saltare.
Quando nell’aria oltre al solito fetore di concime chimico tipico della pianura si percepiscono dei movimenti sotterranei che nulla hanno a che vedere con la geologia, quando dietro alle porte chiuse si avvertono borbottii volutamente incomprensibili da parte dei Cervelli, quando il fruscio delle sottane della petulante Responsabile Human Resources che zampetta su e giù per le scale si fa più insistente allora anche il meno scafato dei PD (Poveri Diavoli da Multipaesana) intuisce che si sta inaugurando una nuova temibile Campagna Acquisti per accaparrarsi er mejo der mejo de’ Raccomandati disponibili su piazza.

Dopo pochi giorni o settimane il nominativo del fortunato prescelto viene reso noto agli interessati insieme a spiegazioni dettagliate circa l’albero genealogico del Fido Condottiero e parenti più stretti.
Vengono cioè illustrati nel dettaglio gli intrecci famigliari e come il prezioso Seme della Dinastia sia stato sparpagliato per il mondo, ma più spesso per la provincia, qualche volta addirittura nello stesso capannone. Al di fuori del gli orari di lavoro, chiaro.
Nessuna remora al riguardo, nessuna copertura od occultamento di dati sensibili, tutti devono sapere di chi il Raccomandato prescelto sia figlio o cugino, sorella o madre.
Tanto in una MP prima o poi lo saprebbe anche il mulettista del Bangladesh e allora, al fine di evitare l’inimicarsi di fazioni pro-Nipote o pro-Cugino e l’innestarsi di pericolose quanto improduttive tifoserie da campionato, allora tanto vale essere chiari da subito.
Così uno sa regolarsi e può studiare in anticipo il livello di piaggeria e paraculismo che vorrà o dovrà adottare. Meglio non perdere tempo.
Non si sottovaluti d’altra parte l’estenuante lavoro di cernita e scrematura che viene effettuato dagli alti vertici aziendali insieme alla responsabile delle Human Resources.
Costoro spesso dispongono di tanto di quel materiale umano da trovarsi essi stessi in imbarazzo, e non vorrebbero scontentare nessuno, soprattutto notabili e clero, ma nella vita bisogna anche assumersi le proprie responsabilità.
Generalmente ad ogni papabile viene affibbiato un punteggio, mentre il voto può essere sia a scrutinio segreto o, nei casi di Multipaesane più progressiste ed evolute, può essere palesato senza timore di ritorsioni che potrebbero scompaginare gli assetti societari o spaventare gli azionisti, cioè il resto della famiglia fino ai cugini di seconda.

Così, siamo a Bernascate con Casnate o a Tepossino sul Minchio in una rovente giornata di afa e cielo da the Day After, e dietro i vetri fume’ della nostra ipotetica Multipaesana è tutto un pettegolezzo, un fiorire di illazioni e di leggende metropolitane sul nuovo venuto.
Comincia l’attesa del Raccomandato di turno il quale, comunque, generalmente non comparirà prima della stagione della vendemmia.
Infatti, anche se disoccupato di lungo corso costui/costei non potrà a nessun costo rinunciare alla meritata pausa e vacanza estiva.
Su c.v. ed esperienze pregresse del Prescelto inutile soffermarsi perché oltre ad essere assolutamente ininfluenti queste sono così variabili ed incredibili da non poter essere nemmeno classificabili, quello che conta sono le credenziali. Questi stanchi occhi hanno visto cuochi mariti di figlia di Gran Condottiero diventare Direttori Commerciali, e mi fermo qui.
Anche la durata in Azienda di un Raccomandato, del resto, dipende moltissimo dal grado e coefficiente di Raccomandazione ed è perciò abbastanza variabile.
Tendezialmente un Raccomandato di primo e secondo grado è inamovibile e pertanto per certi versi assimilabile ad una risorsa Edera, mentre un Raccomandato di terzo grado se gli dice male potrebbe anche non avere lo scranno assicurato sino alla pensione, esattamente come un Povero Diavolo.
L’unico minimo comun denominatore dei Raccomandati Multipaesani è che al di fuori di amici e parenti nessuno se li pija, ed anche amici e parenti se li rimbalzano spesso e volentieri facendoli girare di qui e di la’ come palline di un flipper.
Diversamente inamovibili ma pur sempre inamovibili.
Il PD medio di media Multipaesana comunque ne ha viste di ogni ed ha persino assistito a defenestrazioni da Sacro Romano Impero di Raccomandati di terzo grado in caso di:
– astenia patologica, incapacità ed incompetenza manifesta ma solo se accompagnata ad una certa facilità e diciamo leggerezza nell’emettere assegni su conti societari per sostituire la mobilia di casa o per ristrutturare il bilocale al mare
– divergenze incolmabili con il Fido Condottiero. Divergenze che possono essere di varia natura: politiche, calcistiche, su chi è la più gnocca in TV e/o persino legate alle politiche e gestione aziendale.

Nell’attesa del prossimo Gran Raccomandato, in preda ai più inquietanti interrogativi su quello che il suo arrivo comporterà per la propria sopravvivenza e benessere o comfort aziendale, ma anche per la sopravvivenza aziendale stessa, e perciò come sempre, ci salvi chi può.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ci salvi chi puo', Craps, Ho un'opinione su quasi tutto (ed accetto possa non essere condivisa, con garbo), Vita Multipaesana

Flora e fauna di una MP: l’Edera

Flora, EDERA, Racc. 3* —>

L’Edera (o Hedera Helix) aderisce facilmente al substrato grazie alle radici avventizie aggrappanti http://it.wikipedia.org/wiki/Hedera il che ci fa capire che abbiamo a che fare con un osso duro, un essere ostinato e caparbio dalle capacità e dalla volontà di sopravvivenza tutt’altro che comuni.
Altrimenti detto, un disperato sufficientemente incapace e oggettivamente impossibilitato, e non dall’altro ieri, a trovare alternative alla sua MP.
Incapace, si’, ma anche totalmente privo di ogni interesse di qualsiasi natura per il mondo oltre la porta di casa sua e oltre i cancelli della MP dalla quale munge latte da almeno due decenni.
Come l’Edera in natura questa risorsa e’ assai comune in una MP, per non dire infestante ed endemica nel Lombardo Veneto.
La risorsa Edera non ha peraltro consapevolezza dei suoi limiti. Trattandosi nel 95% abbondante dei casi di un Raccomandato di terzo grado, costui neanche in tempi di magra come questi ha mai avuto la necessità di passare le notti in bianco ad inviare c.v. maldestri a destra e manca, figuriamoci in passato.
Tantomeno sa cosa vuol dire doversi studiare una lettera di accompagnamento diversa per ogni stramaledetta posizione di ogni stramaledetta azienda riciclandosi di volta in volta in un’identità diversa come Diabolik o Eva Kant, tutto su suggerimento della assai più smaliziata nipote ventitreenne già sfiancata da un precariato di lungo corso.
Inoltre, anche se adesso fosse costretta dalle avversità, se ad esempio la famosa maledizione del capitalismo italiano si abbattesse sulla sua MP causandone la prematura estinzione, l’individuo Edera non sarebbe manco capace di redigere un c.v. tutto da solo.
Perché a casa televisori dappertutto, dalla cucina ad isola al soggiorno alla camera da letto-con-annessa-cabina-armadio e fin dentro al cesso, ma di connessione internet manco a parlarne, e Word ed Excel solo sentiti nominare dalla nipote ventitreenne che usa Feisbuk per fare networking ed elemosinare il prossimo contratto a progetto.
Non si tratta evidentemente di soli limiti tecnologici. Ah, Edera mia…cosa sarebbe una MP senza di te?

La risorsa Edera costituisce lo zoccolo duro di una MP, le fondamenta, ed anche i più sprovveduti avranno intuito che oltre alla scarsa agilità mentale il suo attaccamento alla MP non è solamente emotivo e sentimentale. Trattasi di vera e proprio calcificazione/incrostamento in senso chimico-fisico.
Costui infatti nella sua MP ci si è installato dalla notte dei tempi, da molto prima della trasformazione dell’anonima XYX in MP, talora addirittura dalla data di posa del primo lastrone prefabbricato del capannone, o del primo metro quadrato di moquette.
Spesso è stato reclutato, reclutato si fa per dire, da niente popo’ di meno che dal Padre Fondatore o Fido Condottiero egli medesimo.
Un onore ed un onere che equivale ad un sigillo Imperiale e che non tutti possono vantare, nemmeno altri Raccomandati di categorie superiori o De Luxe.
Perciò l’individuo Edera e’ pressoché inamovibile.

La risorsa Edera è approdata in azienda il giorno dopo essere stata congedata dalla scuola dell’obbligo, in un’età compresa tra i quattordici o i sedici anni.
Costituiscono dunque il nucleo centrale del carattere e personalità Edera e ne sono chiave di lettura:
– bassa scolarizzazione
– propensione al lavoro minorile disgiunto da motivi economici famigliari, più che altro per farsi la macchina a diciotto anni o la pelliccia a venti. Nei casi più tristi per contribuire a coronare il sogno di una vita, ma dei genitori: la villetta con taverna e ed il triplo box.
– spiccata avversione e rigorosamente vita natural durante per libri di testo e tutta la carta stampata che non sia quella rosa della Gazzetta dello Sport.
– altissima fidelizzazione Multipaesana
Attorno a questo nucleo poco altro da poter rilevare.
La risorsa Edera costituisce perciò la memoria storica della MP, è il suo hard disk vivente, il fossile che agli occhi di un geologo racchiude indizi di ere lontane e sconosciute ai più, è l’inconsapevole e sgrammaticato Tacito o Giulio Cesare della storia Multipaesana.

Si rende qui necessaria una piccola digressione sulle diverse tipologie di Raccomandati da MP al fine di poter meglio inquadrare l’individuo Edera.
In breve:
Raccomandati di primo grado: consanguinei, comprendente figli di secondo e terzo letto finanche figli biologici ma non riconosciuti, sia che vivano nell’anonimato sia che si palesino come tali.
Raccomandati di secondo grado: parenti acquisiti ed amici personali e/o di famiglia. Amicizie di ogni sesso con diverso grado e coefficiente di conoscenza biblica.
Raccomandati di terzo grado: tutti gli altri che si siano distinti per interesse, meriti speciali, fedeltà ed asservimento dimostrati e comprovabili.
Nella raccomandazione Multipaesana vige, e va detto per onesta’ intellettuale, un principio assolutamente democratico: un Raccomandato di parte vescovile può valere e pesare quanto un Raccomandato dalla portinaia di casa o da un notabile del capoluogo.
In ogni caso la risorsa Edera appartiene a questo terzo tipo, sempre e senza eccezione alcuna.
Approdata in azienda come abbiamo visto in giovanissima età, ancora un virgulto, grazie alle più svariate ed incredibili entrature e connessioni con il potere locale, la risorsa Edera comincia da subito a scavarsi la sua buchetta per mettere radici.
Talvolta è anche un soggetto che lavora e produce, per quello che può: si ritiene più per un doveroso senso di gratitudine che per vera dedizione o abnegazione.
Al momento del fatidico passaggio in MP di questa gratitudine non rimarrà però alcuna traccia.
Questa è una fase destabilizzante che la psiche modello protozoo di un individuo Edera non sempre è in grado di gestire adeguatamente.
Quando dall’oggi al domani tutti cominciano a sproloquiare di turn over, budget, business plan, capability, feasibility, quando precipitosamente vengono introdotte nuove tecnologie, procedure, modalità operative, quando ancor più frettolosamente si implementano dispositivi e procedure di sicurezza per rimediare a cinquant’anni di inerzia e di non osservanza delle leggi vigenti, quando in un mese ogni risorsa viene sottoposta ad una serie di corsi di aggiornamento e formazione che nemmeno alla NASA, quando sui muri finalmente imbiancati dopo anni di muffa compaiono tabelle con gli indicatori personali mensili e gli obbiettivi di crescita e nell’atrio fa capolino debitamente incorniciata la slide con la sconcertante mission aziendale, quando compaiono nuovi figuri incredibilmente non raccomandati ma selezionati, se pur selezionati da un raccomandato di primo grado, che è la cosa che trovo più esilarante ed adorabile di tutte, per ricoprire ruoli prima inesistenti, ecco in questo momento è assai facile che un’Edera viva una profonda crisi d’identità. Profonda crisi che si risolverà nottetempo.
Prevarrà purtroppo la certezza assoluta di essersi meritato e guadagnato tutto, anche se in quei vent’anni o più di onorato servizio manco lo sforzo di impararsi da casa tre parole di inglese con le audio cassette. Il professorino del corso aziendale pomeridiano sostenuto con i fondi europei per l’internalizzazione delle imprese ci ha rinunciato dopo una settimana. Never again.
Alla nuova centralinista invece, se non raccomandata, richiederanno laurea magistrale in lingue e master in relazioni internazionali.

Ma cosa volete che sia, “dove sta la differenza”, potrebbe domandarsi la risorsa Edera che ovviamente ce l’ha a morte con tutti i raccomandati e gli imboscati, specie quelli che stanno a Roma, purché non siano lui stesso.
La sua incrostazione Multipaesana databile con il metodo del carbonio 14 gli fa dimenticare come è arrivato li. E cioè tale e quale alla moglie dell’onorevole, al figlio del barone universitario, all’amichetta del sottosegretario.
Unica differenza: costoro sono solamente meno sfigati di un ramoscello d’Edera e non finiscono MAI a fare un lavoro del menga in un capannone semi abusivo e poi sanato in una sonnolenta provincia del Nord.
Tutto qui.
Eravamo rimasti a Ma cosa volete che sia, “dove sta la differenza”, potrebbe domandarsi la risorsa Edera .
Potrebbe infatti, ma non lo fa, non se lo domanda, non ci pensa. Non ci arriva.
Eccolo qui il problema caro amico.

Il problema è che sei proprio una gran testa di cazzo.
Già venti o trenta anni fa era pieno di gente più qualificata e preparata, ne avrebbero trovati centomila come te, ed un trilione meglio di te, anche solo più curiosi, più desiderosi di imparare, più flessibili, più versatili, in altre parole più intelligenti e meritevoli.
Si, meritevoli, da merito, parola tanto abusata quanto sconosciuta in questo paese.
Adesso, per come è cambiato il mondo ed il mondo del lavoro, una rivoluzione copernicana nel giro di dieci anni, ovviamente tutto senza che tu te ne accorgessi, adesso nonostante quello che tu possa credere il tuo valore di mercato è quello di tre etti di carne da macello in decomposizione.
Dovresti ricordartelo sempre.
Pensaci, quando guardi negli occhi quella tua nipote ventitreenne che elemosina il prossimo stage o contratto di tre mesi.

20130713-214002.jpg

Lascia un commento

Archiviato in Ci salvi chi puo', Vita Multipaesana